Prima scopri i 5 errori che non ti faranno concludere la compravendita, Meglio è

Prima scopri i 5 errori che non ti faranno concludere la compravendita, Meglio èTi stai preparando per la compravendita di un immobile? Vuoi trovare la casa dei sogni in un paio di mesi oppure vuoi vendere casa subito ed al miglio prezzo?

E’ comune catapultarsi sulla fantomatica compravendita senza fare prima opportune valutazioni, proprio quelle che eviteranno il fallimento della tua operazione immobiliare.

Fatto questo infatti non viene fatta alcuna offerta per mesi e ti ritrovi a perdere solo tempo prezioso e parecchi soldi.

Se pensi di sapere come velocizzare una compravendita immobiliare, vorrei sfidarti.

Facciamo un test!

Nel corso della mia carriera ho rilevato almeno 5 luoghi comuni diffusi sul come concludere una compravendita immobiliare in fretta. L’artificio per concludere un’ottima compravendita resta ancora ampiamente nascosto sul web: battere strade nuove incute sempre terrore.

Se vuoi testare la tua capacità di rogitare rapidamente, continua a leggere questo articolo. Oggi voglio raccontarti i peggiori 5 errori da evitare per concludere veloci compravendite immobiliari.

Se non avresti commesso nessuno di questi errori complimenti, sei sulla strada giusta che ti condurrà ad una gloriosa vittoria immobiliare!Scarica Gratis Libro Appartamenti Vincenti

1. Abbassare il prezzo di vendita della casa…

Ho visto non con poca incredulità scartare appartamenti in vendita perché il prezzi era troppo basso: Perché un prezzo così basso? E’ una trappola per fregarmi?

Accade con l’acquisto di qualsiasi tipo di prodotto. Se vuoi comprare un giubbotto ed il prezzo è molto basso penserai: “sicuramente non è un prodotto di qualità”.

Ho visto immobili restare sul gobbo invenduti per anni proprio a causa del prezzo basso.

  • Il prezzo deve essere corretto ma con un certo margine di trattativa
  • un prezzo troppo basso può destare sospetti, non solo al compratore ma anche ad Equitalia
  • allegare sempre una perizia di valutazione immobiliare, nonché di conformità catastale ed urbanistica, redatta da un tecnico abilitato (unica tutela al 100% contro gli abusi per chi compra)
  • recuperare tutti i documenti obbligatori per la compravendita per non far sembrare che le carte non siano in regola e non perdere tempo se arriva finalmente l’offerta

Una cosa è certa. Se parliamo di prezzo vi deve essere sempre una corrispondenza tra ciò che vedono i tuoi occhi e quanto devi sborsare per avere l’oggetto del desiderio.

Ricordo un cliente che pur di guadagnare più soldi era disposto ad aspettare l’offerta perfetta (mai arrivata). L’immobile era un negozio fatiscente in una zona di pochissimo valore. Viceversa occorre anche capire quando il prezzo è troppo alto.

2. Se l’annuncio è di un privato è meglio…

E’ frequente intestardirsi per vendere da privato e risparmiare i soldi delle provvigioni. Peccato che poi finiscano tutti col rivolgersi impanicati ad una agenzia immobiliare.

Ancor più comune è cercare casa senza affidarsi ad agenzie immobiliari, nei minuscoli ritagli di una giornata lavorativa oppure nelle poche ore di relax del sabato o della domenica.

Ricordo una coppia che ha cercato casa con agonia per un paio di anni, per poi finire con la compravendita di una casa in mano ad un’agenzia! Tanto valeva affidarsi all’agenzia fin dall’inizio, no? Ma attenzione, non un’agenzia qualsiasi.

La prima cosa che voglio dirti infatti è che hai ragione: l’agenzia immobiliare tradizionale è sempre più obsoleta e controversa. Ti stai chiedendo “perché devo pagare un mediatore, un arbitro che non sta dalla parte di nessuno nella fase di compravendita?”

Questo perché ancora non sai che esistono due nuove figure di agente immobiliare:

  1. Per chi vende casa: Listing Agent, un agente che si fa pagare solo da chi vende. In questo modo non farai fuggire il possibile acquirente che vuole risparmiare
  2. Per chi cerca casa disperatamente: Property Finder, un agente che si fa pagare solo da chi compra ma in cambio ti trova la casa dei sogni in massimo due mesi

Inoltre gli annunci on-line fatti dai privati sono quasi sempre incompleti. Questo insinua il dubbio in chi guarda. Chi cerca on-line da solo è esausto e vuole informazioni super veloci senza inganno. Se non le trova tutte immediatamente passa subito all’annuncio successivo.

  • lascia perdere i rendering e le immagini foto-realistiche, mostra com’è realmente la casa
  • allega sempre una planimetria che mostra la suddivisione interna, che senso ha scomodarti  per poi sentirti dire che però volevano il secondo bagno?
  • inserisci sempre l’APE, senza questo nell’annuncio si rischiano multe salate ma pochi lo sanno

Inoltre adesso molte agenzie organizzano eventi “open-house” a volte anche divertenti per presentare l’immobile in vendita. Durante l’evento forniscono tantissimo materiale utile.Scarica Gratis Libro Appartamenti Vincenti

3. Se non viene concesso il mutuo non se ne fa niente…

Finalmente si trova il coraggio per lanciare un’offerta, ma ecco che arriva l’intoppo del mutuo. Quando accade possono passare davvero svariati mesi. E’ accaduto a due mie cari amici che hanno ancora l’amaro in bocca.

Mentre attendevano la conferma del mutuo fantasticavano su come sistemare il suo nuovo appartamento e mi hanno chiesto di fare un sopralluogo. Il venditore invece tira un sospiro di sollievo e considera i soldi della compravendita già accreditati nel suo conto.

Poi invece non se ne fa nulla…il verdetto della banca è NO.

Questi rivoltanti intoppi non sussistono quando si sfrutta invece il Leasing Immobiliare, altrimenti detto Affitto con Riscatto. Ed inoltre:

  • ci si può accordare per non pagare l’anticipo
  • il canone mensile può essere sospeso per qualche mese se perdi il lavoro

L’affitto con riscatto è sempre più in voga nella compravendita ed è ben più vantaggioso di accollarsi un mutuo. Inoltre sono previste svariate detrazioni fiscali, specialmente per gli under 35.

Per chi vende può essere un’occasione d’oro per vendere se ha appena ristrutturato ma non vuole pagare la plus-valenza del 20% allo Stato (devono infatti passare 5 anni dalla fine dei lavori, a meno che tu non sia un investitore immobiliare).

4. Meglio una casa vuota così la si può personalizzare…

Chiunque non sia del settore ed abbia acquistato un immobile vuoto, o peggio da ristrutturare, puoi stare certo che non commetterà lo stesso errore nella seconda compravendita.

Tutti vorrebbero una casa chiavi in mano con margine di personalizzazione. Presentare una casa in vendita arredata rappresenta un incredibile valore aggiunto se vuoi vendere subito casa.

Erroneamente pensi che la compravendita di una casa chiavi in mano debba costare molto di più di una fatiscente da ristrutturate. A conti fatti non è mai così, questo perché non potrai mai essere certo di quanto andrai a spendere nella ristrutturazione.

Ristrutturare infatti espone a problemi catastrofici come i temuti extra-capitolato (spese extra a volte del tutto ingiustificate) dell’impresa esecutrice dei lavori. Questo in particolare accade se non si sottoscrive un contratto d’appalto scritto come si deve.

Andare poi a caccia di arredi è un vero e proprio lavoro. Per un progettista di interni è pane quotidiano, ma se non sei del settore è un inferno e certe volte il risultato è zero.

Ecco cosa ci si deve aspettare:

  • aspettare che gli arredi arrivino in tempo
  • problemi in fase di montaggio degli arredi ad esempio a causa di misure prese male
  • il tempo che passa se l’arredo arriva danneggiato e devo riordinarlo
  • farti fare mille preventivi per ottenere il prezzo migliore
  • scervellarsi per come abbinare gli arredi tra loro in base a come è fatta la casa

Ho visto decine di persone, compresi muratori, che si fanno tutto da soli. I risultati fai-da-te sono decisamente scadenti nel loro insieme. Sempre meno case hanno uno stile architettonico o stilistico e questo significa spendere tanti soldi senza aggiungere un valore vero all’immobile.

5. Per sistemare un immobile in vendita occorre ristrutturare…

Potrebbe essere vero se:

  • la casa è fatiscente e necessita di importanti interventi
  • non conosci la tecnica di marketing immobiliare per vendere subito casa

Mi capita spesso di vedere imprenditori immobiliari che mi chiedono aiuto per quantificare i costi per una ristrutturazione. Fatto questo lo metteranno in vendita od in affitto. Si fanno prendere dall’entusiasmo e si spaccano in due, non considerano l’esistenza di vie nuove e più semplici.

Non sai ancora cosa sia l’Home Staging? E’ la benzina per ogni compravendita immobiliare.

Il marketing immobiliare dell’Home Staging opera con un budget limitato che viene tenuto sempre sotto controllo. Si tratta di un investimento di ritorno monetario di un capitale immobiliare.

Non è un costo quindi, ma è un investimento. Non è ristrutturazione, ma marketing.

L’aspetto più importante da considerare è il lato emotivo. E’ stato dimostrato che noi decidiamo se acquistare o meno un immobile nei primi 90 secondi in cui vediamo l’immobile per la prima volta. Se l’impatto è debole dovrai sputare sangue per vendere casa.

L’Home-staging è un grande vantaggio per chi acquista perché significa che ogni angolo della casa è stato passato a setaccio, analizzato, sistemato e migliorato. Inoltre la casa sarà arredata e solitamente pronta da abitare.

Attenzione, questo non vuol dire vendere casa lasciando i mobili vecchi ed usati, anzi otterresti il risultato opposto. Quanto vale agli occhi di chi cerca casa un immobile che appare vecchio ed impolverato? Molto poco…

Questo tipo di allestimenti viene fatto solitamente con arredi nuovi ma noleggiati. In questo modo è a discrezione del compratore in fase di compravendita decidere se tenerli o meno.

Vuoi guadagnare di più con gli Affitti Brevi? Scarica subito la mia Guida Gratuita “AV Appartamenti Vincenti” cliccando qua sotto:
Scarica Gratis Libro Appartamenti Vincenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *